Kuni No Mahoroba

ARTICOLO

IL DUALISMO DI GALAXY EXPRESS 999

up
Il dualismo di Galaxy Express 999
Il dualismo di Galaxy Express 999
scritto il : 27-06-2017
Sicuramente l'opera più rappresentativa del leijiverse, aldilà dei gusti personali, è il GALAXY EXPRESS 999.
Una delle caratteristiche dell'opera è la specularità delle situazioni, e in questa piccola nota analizzeremo alcune di queste specularità.

- Nel primo capitolo del manga ed episodio della serie facciamo la conoscenza del protagonista: Tetsuro Hoshino. Egli, bambino che perde la madre perchè uccisa dal conte meccanico, si trova sperduto e ancora non capace di badare a se stesso. Fa cosi la conoscenza di Maetel affidandosi del tutto a lei. Maetel è una donna "misteriosa", di lei non si sa nulla ed è subito evidente di come sia pratica delle cose dell'universo. La sua figura è sicuramente forte e decisa che salva spesso Tetsuro dai guai sopratutto all'inizio del viaggio. Se però guardiamo l'ultimo episodio abbiamo un Tetsuro ormai adulto, sicuro di se mentre la figura di Maetel viene completamente ribaltata. La si vede meno sicura di se, anche per il dubbio morale che l'affligge e che la porterà a togliere la vita alla madre. E' Tetsuro questa volta che la salva. Insomma i ruoli si sono invertiti. Volendo spingere questa idea di specularità all'estremo potremmo anche risolvere uno dei misteri della serie. Maetel è umana o meccanica? Considerate che queste sono mie riflessioni e come tale vanno prese ma io propendo per il fatto che sia umana. Infatti se la madre (umana) di Tetsuro è stata uccisa dal conte meccanico volendo mantenere la specularità la madre meccanica di Maetel deve essere uccisa per forza di cose da una mano umana.

- Altro elemento speculare importante è quello del rapporto madre-figlio. Durante il viaggio Tetsuro ha modo di conoscere Artemis (episodi 51&52). Ella, essere gelatinoso, desidera conoscere l'universo ed esplorarlo. La madre (un pianeta gelatinoso ma vivente) tenta disperatamente di trattenere a se la figlia ma riesce a scappare e a diventare un essere meccanico con tutte le difficoltà del caso. Capito l'errore Artemis torna dalla madre che la accoglie frenando la caduta della sua nave. La madre alla fine fa un discorso a Tetsuro consapevole che i figli prima o poi lasceranno "il nido" e che saranno felici solo se accetteranno di vivere le gioie e i dolori che la vita riserverà loro. Più avanti (episodi 94 e 95) incontriamo Yayaball figlio invece "viziato" e attaccato ad una madre che poi si rivela essere un essere meccanico e che invece impedisce la crescita del ragazzo.

- Altra specularità che ritengo importante presente però solo nel manga è la figura di Clair, essere meccanico fatto di cristallo e brillante, incontrato all'inizio del viaggio che viene contrapposta ad un essere oscuro, madre della stessa Clair, che fa la guardia invece al pianeta delle macchine, termine del viaggio del galaxy express 999.

Altre sono le storie che possono esser considerate speculari nelle scelte fatte e nelle conseguenze che esse portano, è come se l'autore ci volesse dire che non esiste un’unica strada sicura, che tutto ciò che si sceglie può portare gioie e dolori.